Categorie
blog

E’ uscito il libro “L’asilo nido” di Giorgio Trost

Giorgio Trost, “L’asilo nido”, Editore Asterios

Le relazioni e le comunicazioni tra la famiglia, il bambino e l’educatrice

Il presente volume è un’attenta descrizione dello sviluppo psicologico ed emotivo del bambino raccontata attraverso le comunicazioni ed i comportamenti nelle diverse fasi del suo sviluppo, dai zero ai tre anni. Racconta anche i significati del mondo del bambino e dell’adulto in una reciproca relazione; infatti, un bambino vive e cresce soprattutto in rapporto a figure di riferimento adulte, che sono a loro volta influenzate sia dal bambino stesso, che dalla propria esperienza.

Ecco perché i bambini, nutrendosi delle sicurezze dell’adulto, hanno bisogno di genitori ed educatori sufficientemente sicuri e risolti nei loro problemi. Il libro è un confronto continuo e costante tra il territorio del bambino e quello dell’adulto che, oltre ad evidenziare l’importanza dell’intervento dell’adulto sui comportamenti e gli atteggiamenti del bambino, sottolinea pure alcuni aspetti infantili che “i grandi” si portano dietro e dentro e manifestano in alcune occasioni.

Il volume riporta dialoghi e comunicazioni tra bambini, genitori ed educatori raccolti dall’autore nella sua ventennale esperienza professionale in una scuola per l’infanzia di Trieste (nido-materna). Riporta inoltre alcune esperienze personali come formatore e supervisore del lavoro del personale educativo degli asili nido della regione Friuli Venezia Giulia.

Giorgio Trost, psicologo, ha fondato nel 1985 a Trieste una scuola per l’infanzia che si occupava dello sviluppo cognitivo, emotivo e relazionale dei bambini da uno a sei anni e del sostegno alla genitorialità. Dal gennaio 2002 è Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Trieste e consulente tecnico nelle cause di separazione e affidamento dei minori presso il Tribunale Ordinario. Presso Armando Editore (Roma), ha pubblicato il volume “Lo sviluppo psicologico del bambino dai due ai sei anni. Un’esperienza nella scuola per l’infanzia”(2005).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *